Alberto Sordi – Il Grande Seduttore

«Mi accompagnò in camera e in corridoio mi saltò quasi addosso. Non mi aspettavo un approccio così irruento… Aveva un modo di baciare molto passionale… A letto aveva poca fantasia, era molto tradizionalista, non amava sperimentare.

 Una sera ordinai lo champagne sperando che le bollicine potessero aiutarlo nella fantasia. Poi gli dissi che doveva togliersi il vizio di portare i pantaloni ad altezza ombelicale come faceva sempre lui. Lo trovavo antierotico».

 Per la prima volta, la contessa Patrizia De Blanck racconta il suo legame con Alberto Sordi. Lo fa con una lunga intervista esclusiva al settimanale OGGI riportata anche dal sito  Dagospia

Dice Patrizia De Blanck: «Era incuriosito dai nobili, dal nostro modo di vivere e di pensare. Mi raccontò che il suo sogno era quello di avere una storia con la regina Elisabetta… Alternava momenti in cui era estremamente divertente a momenti in cui amava restare solo. Una solitudine relativa: era sempre occupato col lavoro, il suo vero grande amore».

 

La storia durò diversi mesi. «Dopo Londra continuammo a frequentarci anche a Roma e a Montecarlo. Ma ci vedevamo poco… Lui era sposato con il suo lavoro, mentre io ho bisogno di tante attenzioni. Entrambi poi conoscevamo gli attori americani Warren Beatty e sua sorella maggiore Shirley MacLaine. Io mi fidanzai con il bellissimo Warren e lui mi disse che frequentò Shirley».

Chissà cosa direbbe il nostro Albertone invece ….

prec.
succ.